L’accettazione dell’eredità con beneficio di inventario è la soluzione migliore se i beni sono ipotecati? Come fare per recuperare quanto più possibile del valore dell’ipoteca?

Per regola generale, l’ipoteca ha durata ventennale dalla sua costituzione, ossia dal momento in cui essa viene iscritta nei registri immobiliari. Trascorsi venti anni da tale ultima data, la garanzia ipotecaria decade, a meno che non si sia provveduto per tempo a rinnovarla mediante apposita annotazione nei suddetti registri. Ciò significa, in altre parole, che se sono già trascorsi più di venti anni dall’iscrizione dell’ipoteca non sarà più possibile avvalersi della stessa in un’eventuale procedura di esecuzione avente a oggetto l’immobile ipotecato, in particolare se nel frattempo sono state iscritte altre ipoteche sempre sullo stesso bene.  Tuttavia questo non significa che, venuta meno la garanzia ipotecaria, non si possa reiscrivere nuovamente ipoteca sul medesimo bene; bisognerà però tener conto che:

  1. la nuova ipoteca non sarà opponibile ad eventuali creditori che abbiano nel frattempo pignorato o iscritto ipoteca sullo stesso bene oppure a nuovi titolari del bene stesso cui quest’ultimo sia stato nel frattempo ceduto;

Continua su laleggepertutti.it al seguente indirizzo: http://www.laleggepertutti.it/150318_eredita-come-funziona-il-beneficio-di-inventario-se-ci-sono-ipoteche

Autore:  Redazione

Sito Web: www.laleggepertutti.it

Share This

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Preference Center

Necessary

Advertising

Analytics

Other