Sto vendendo un immobile ricevuto a seguito di divisione ma gli eredi di mio fratello non hanno presentato la successione, creandomi dei danni. Come risolvere? 

Per rispondere al quesito occorre prendere in esame gli incombenti che la legge richiede agli eredi del defunto per dare corretta pubblicità al fenomeno successorio che li riguarda nonché gli effetti propri di tali adempimenti. All’esito di tale ricognizione sarà quindi possibile dare risposta circa le modalità di presentazione delle suddette pratiche.

La successione deve essere dichiarata all’Agenzia delle Entrate entro dodici mesi dall’apertura della stessa [1]. È questo l’adempimento consistente nella compilazione e presentazione all’Ufficio delle Entrate della cosiddetta denuncia di successione, consistente in una dichiarazione presentata da uno o più eredi del defunto contenente i dati di quest’ultimo, degli eredi legittimi o testamentari nonché l’elenco dei beni e più in generale dei cespiti attivi e passivi del defunto. La finalità di tale incombente risiede nella necessità di portare a conoscenza del Fisco l’avvenuto decesso e, quindi, presumibilmente, il passaggio agli eredi delle sostanze del defunto. Su tale trasferimento l’Ufficio delle Entrate calcola l’eventuale imposta di successione dovuta nonché controlla il versamento delle imposte ipotecarie e catastali autoliquidate dagli eredi all’atto della presentazione della denuncia stessa ove il defunto fosse proprietario di beni immobili.

 

Continua su laleggepertutti.it al seguente indirizzo: https://www.laleggepertutti.it/157177_che-succede-se-non-si-presenta-la-dichiarazione-di-successione

Autore

Sito Web: www.laleggepertutti.it

Share This

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Preference Center

Necessary

Advertising

Analytics

Other